Romanzi polizieschi giapponesi

Consigli di lettura per l'estate

Il romanzo poliziesco, lettura avvincente e stimolante, è la perfetta lettura per regalarvi un po’ di brividi sotto l’ombrellone. Vi consigliamo quindi alcuni testi di grandi autori di romanzi mystery e gialli giapponesi presenti nella Biblioteca Amilcar Cabral!

UN PO’ DI STORIA

I romanzi polizieschi giapponesi nascono in era Meiji (1868-1912), all’inizio erano chiamati “tantei shōsetsu” (romanzi di investigazione,detective story) e si limitavano a tradurre ed imitare le opere dei grandi scrittori di gialli e mystery occidentali come E.A. Poe, A.K. Green, A. Conan Doyle, Fergus Hume, E.Gaboriau, F. du Boisgobey. Le prime opere originali verranno prodotte solo verso la metà dell’epoca Taishō (1912-1926), oggi chiamati dai giapponesi “suiri shōsetsu”, romanzi di raziocinio. Il primo autore giapponese moderno in questo senso è Edogawa Ranpo, di cui qui consigliamo uno dei suoi romanzi più famosi, “La belva nell’ombra”. Tra gli altri inviti alla lettura, alcune opere di Kirino Natsuo, Murakami Haruki, Ogawa Yoko.

Edogawa Ranpo, La belva nell'ombra, Venezia, Letteratura Universale Marsilio, 1992

Il protagonista è un autore di romanzi polizieschi, incontra una donna affascinante che gli confida di essere perseguitata da un suo vecchio amore, che minaccia di uccidere lei e il marito. Lo scrittore si troverà coinvolto in un intreccio di eventi alla ricerca del colpevole dell’assassinio del marito, con un crescendo di colpi di scena, fino al tragico, inaspettato, finale.


Kirino Natsuo, Le quattro casalinghe di Tokyo, Vicenza, Neri Pozza, 2003

Questo thriller ha come protagoniste quattro amiche che lavorano al turno di notte di una fabbrica giapponese di cibi pronti. Le loro esistenze sono logorate, oltre che dal duro lavoro in fabbrica, dalla loro vita casalinga e coniugale. Ma improvvisamente la loro tranquilla quotidianità verrà sconvolta, coinvolgendole in un atroce delitto.


Kirino Natsuo, Morbide guance, Vicenza, Neri Pozza, 2004

La protagonista di questo noir psicologico tradisce il marito e pensa di abbandonare la famiglia per trasferirsi a vivere dall’amante. Ma improvvisamente la sua bambina di cinque anni scompare senza lasciare traccia. La donna pensa che questo sia il meritato castigo per il tradimento, e parte la sua indagine alla ricerca della figlia perduta, che la porterà a riscoprire anche se stessa e le sue origini.


Kirino Natsuo, Grotesque, Vicenza, Neri Pozza. 2008

Due prostitute vengono ferocemente uccise da un misterioso assassino. La sorella maggiore di una delle due ricostruisce la loro storia fino al momento della loro tragica fine.


Kirino Natsuo , Real world, Vicenza, Neri Pozza 2009

Quattro studentesse di Tokyo, molto diverse tra loro, scoprono che il loro vicino, un ragazzo schivo e di buona famiglia, ha brutalmente ucciso la madre con una mazza da baseball, per poi scappare senza lasciare traccia. Solo le ragazze conoscono i suoi spostamenti, visto che è scappato con la bici e il cellulare di una di loro. Invece di denunciarlo alla polizia, le ragazze cominciano ad aiutarlo, vedendo in questa esperienza una possibilità di fuga dalla monotonia delle loro vite.


Murakami Haruki, Nel segno della pecora, Torino, Einaudi, 2010

Il protagonista del romanzo lavora in un agenzia pubblicitaria. Un giorno si presenta nell’azienda uno strano uomo vestito di nero, inviato dal “Maestro”, un uomo altrettanto misterioso, forse un potente politico di Destra: chiedono che venga ritirata una fotografia pubblicitaria di un gregge di pecore, e che l’agente pubblicitario autore dell’immagine si metta alla ricerca di uno degli animali, una pecora bianca con una macchia color caffè sul dorso. Unico indizio: la foto, ricevuta per posta da Sorcio, un amico scomparso da anni.


Ogawa Yoko, Profumo di ghiaccio, Milano, Il Saggiatore, 2009

La protagonista è una giovane giornalista decisa a scoprire le ragioni che hanno portato il suo compagno, un talentuoso creatore di profumi, a togliersi la vita. Questa sua ricerca, in un continuo intreccio tra passato e presente, la condurrà fino a Praga, e la porterà a scoprire dei lati sconosciuti del suo compagno, creando due ritratti opposti della persona amata, attraverso la sua memoria e quella delle persone che lo avevano conosciuto, rendendo la risoluzione della sua indagine sempre più complessa e surreale.


GLI AUTORI

  • EDOGAWA RANPO (Nabari, 1894-1965), scrittore specializzato soprattutto nel genere giallo e mistero, è stato un grande ammiratore di Edgar Allan Poe, da cui trae il suo pseudonimo, che non è altro che la trasposizione fonetica del nome dello scrittore inglese. È stato il primo a cimentarsi nella moderna detective story, con storie originali e non mere copie e traduzioni di opere occidentali.

  • KIRINO NATSUO (Kanazawa, 1951), è conosciuta a livello mondiale soprattutto per i suoi romanzi gialli, per cui ha vinto molti premi, tra cui il premio Edogawa Ranpo con il romanzo Pioggia sul viso.

  • MURAKAMI HARUKI (Kyoto, 1949), è uno scrittore di romanzi e racconti, nonché saggista e traduttore. Notevolmente influenzato dalla cultura occidentale, forse anche per questo è tra gli autori nipponici più conosciuti all’estero.

  • OGAWA YOKO (Ok ayama, 1962), dal 1988 ha scritto numerose opere tra romanzi, racconti e saggi. Ha vinto diversi premi, come il prestigioso premio letterario Akutagawa. Le sue opere sono state tradotte in diverse lingue, ed è considerata tra le più importanti narratrici contemporanee giapponesi.



A cura di Marina De Zan, luglio 2012

Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi Romanzi polizieschi giapponesi

segnalazioni